Ti hanno pignorato la casa? Ecco cosa succederà

Pignoramento immobile

Cosa succede dopo aver ricevuto un atto di pignoramento?

 

Ricevere un atto di pignoramento non è una bella sensazione. Anche se non conosco la tua storia posso immaginare quanto sia spiacevole ritrovarsi in una situazione del genere e so quanto possa essere dura trovare la forza per affrontarla.

Per questo voglio parlarti del pignoramento immobiliare, cercando di spiegarti in maniera semplice cosa comporta avere la casa pignorata e cosa succederà dal momento in cui ricevi l’atto di notifica.

Leggi con attenzione perché voglio che tu capisca perfettamente quali effetti avrà sulla tua vita il pignoramento e perché è importante che tu sappia prendere le decisioni giuste senza farti abbattere dallo sconforto.

 

Che cos’è il pignoramento immobiliare

Tecnicamente, il pignoramento è un atto che ti viene notificato a casa da parte di un ufficiale giudiziario. Questo atto rappresenta l’ultima fase di una procedura avviata dal soggetto a cui devi dei soldi, al fine di recuperare quanto gli spetta.

Ecco le 3 fasi che hanno portato al pignoramento:

Decreto ingiuntivo
È il primo atto con cui l’Autorità Giudiziaria, su richiesta del creditore, ti ordinava il pagamento di una somma corrispondente al debito, più interessi e spese, entro 40 giorni.

Precetto
Se dopo il decreto ingiuntivo non hai agito in alcun modo, hai ricevuto il secondo atto giudiziario con cui il creditore ti intimava di pagare il debito entro 10 giorni.

Pignoramento
Non avendo fatto nulla nemmeno dopo il precetto, ti sarà stato recapitato l’atto di pignoramento. Se l’hai ricevuto vuol dire che qualcuno a cui dovevi dei soldi, che purtroppo non sei più riuscito a restituire, è passato ai fatti, cercando di rifarsi sulla tua casa.

Il pignoramento è quindi l’inizio di una procedura di espropriazione forzata.

Cosa accade dopo l’atto di pignoramento

Casa pignorata - Asta giudiziariaDopo aver ricevuto quest’atto, puoi attenderti in tempi brevi la visita di un perito, che provvederà a stendere un rapporto dettagliato sulle condizioni della tua casa e sul suo valore. Le nuove norme sulla determinazione del valore dell’immobile dovrebbero guidare il perito verso una valutazione più realistica, ma rimangono ancora margini molto ampi di manovra.

Il perito sa come funzionano le aste giudiziarie, quindi non ti aspettare che il tuo immobile venga valutato per quanto vale, anzi…

Il tribunale provvederà poi a fissare la data dell’asta e determinerà il prezzo minimo sulla base della perizia (quindi più basso del valore reale). Prima dell’asta, tu e la tua famiglia sarete costretti a subire le visite di tutte le persone interessate alla casa.

Purtroppo anche loro conoscono bene i meccanismi delle aste giudiziarie, quindi è molto probabile che, nonostante tu veda passare dentro casa molta gente, le prime aste vadano deserte.

Se ti stai chiedendo perché, te lo spiego subito: ogni volta che un’asta va deserta, cioè non viene presentata alcuna offerta per l’immobile, il tribunale è costretto a ribassare il prezzo, fino al 25%, al successivo esperimento di vendita. Dopo il quarto tentativo di vendita, il tribunale può decidere di ribassare il prezzo fino al 50%.

Puoi comprendere, quindi, che è molto probabile che tante aste vadano deserte, ed il prezzo scenda ancora, ben al di sotto del valore reale. In questi casi accade spesso di non riuscire nemmeno a coprire tutti i debiti per i quali era originariamente iniziata la procedura.

Le conseguenze di un pignoramento, purtroppo, sono queste: tu avrai perso la tua casa, che sarà svenduta all’asta (una situazione già di per sé veramente brutta), ad un prezzo molto più basso del suo valore (situazione ancora più spiacevole) e resterai addirittura con dei debiti da pagare (quindi le preoccupazioni non finiranno).

Aspetta, però, non disperare e continua a leggere perché ho una cosa importante da dirti.

Tutto ciò che ti ho detto finora sono le normali conseguenze che si verificano dopo un atto di pignoramento. Ma non è detto che debba per forza andare così.

Ricorda: il pignoramento NON è un’espropriazione, ma è solo l’inizio della procedura che terminerà con la vendita all’asta della casa: al momento del pignoramento ciò che ti viene sottratto è la disponibilità della tua casa, non ancora il suo possesso!

Questo significa che si tratta di qualcosa da non prendere assolutamente alla leggera, ma che non devi nemmeno considerare come l’evento decisivo di fronte a cui tu non hai più alcun potere. Non è ancora troppo tardi per poter fare qualcosa ed evitare che la tua situazione peggiori ulteriormente.

Tieni bene a mente questo concetto perché è importante e te lo voglio sottolineare: dopo il pignoramento sei ancora TU il proprietario, almeno fino a quando la casa non viene venduta all’asta. Considera quindi il pignoramento come una sorta di ultimo avvertimento: se non farai nulla la tua casa sarà messa all’asta e venduta dal tribunale per poter ripagare i creditori.

Ecco perché è fondamentale che tu riesca a saldare in tempo il debito, oppure ti r